Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Cookie Policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta l'informativa "Cookie policy". 
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Mezzago e la sua realtà di cooperativa: la storia

  

ArchivioGiudicianniBiffi1Nel corso degli anni quaranta dell’Ottocento in diversi paesi europei (Regno Unito, Francia, Germania, Danimarca) iniziarono a delinearsi alcune importanti esperienze cooperative che assunsero ben presto le caratteristiche di veri e propri modelli organizzativi: le cooperative di consumo, quelle di produzione e lavoro, quelle agricole e le banche cooperative. Il Regno Unito fu la culla della cooperazione di consumo. Qui nel 1844, 28 tessitori di Rochdale (cittadina a nord di Manchester) fondarono il primo spaccio cooperativo. Esso e i tanti altri che seguirono si posero come obiettivo quello di aumentare il potere d'acquisto degli operai urbani, in un paese in cui la precoce industrializzazione e urbanizzazione aveva sollevato già nella prima metà dell’ottocento il problema dei bassi salari. L’attività di tali cooperative consisteva nella vendita ai soci di generi di prima necessità a prezzi di mercato e nella distribuzione degli eventuali utili sotto forma di un ristorno proporzionale agli acquisti effettuati. Ma la Cooperativa di Rochdale si prefiggeva anche lo svolgimento di altre attività che, purtuttavia, non ebbero lo sviluppo dello spaccio cooperativo, come la creazione di un magazzino per la vendita di derrate ed abiti, la costruzione od acquisto di case, la fabbricazione di prodotti per dare lavoro ai soci disoccupati o mal retribuiti, l'affitto o l'acquisto di fondi rustici da fare coltivare ai soci disoccupati.

In Francia, paese meno industrializzato e con un’elevata disoccupazione, le prime cooperative cercarono proprio una risposta a questo grave problema. Esse si ispirarono agli ateliers nationaux, vere e proprie officine statali, nate dalle idee socialiste di Louis Blanc, in cui trovavano impiego i lavoratori urbani disoccupati per svolgere opere di pubblica utilità. Grazie agli incentivi concessi con i decreti legge del luglio 1848 vennero fondate molte cooperative, fra le quali ricordiamo l’Atelier social di Cliché, creato da un gruppo di operai parigini per produrre indumenti per la guardia nazionale, sulla base del principio di un salario uguale per tutti e di guadagni equamente distribuiti.

Alla Germania spetta, invece, il primato nella fondazione degli istituti di credito cooperativi. Questo paese, agli albori della rivoluzione industriale, si caratterizzava per un’economia incentrata ancora su un settore agricolo poco innovativo e dominato dalla piccola e media proprietà contadina. E’ in questo contesto che nel 1840, ad Anhausen (nella valle del Reno), si diede vita alla prima cassa rurale, la quale, operando su un piccolo mercato (al massimo due villaggi), riservando il credito ai soci (illimitatamente responsabili) e praticando un basso tasso di interesse, cercò di far circolare le poche risorse disponibili al fine di facilitare gli investimenti e la modernizzazione nel settore agricolo. Sulla base degli stessi principi, ma inserita in un contesto urbano, nel 1850 venne fondata anche la prima banca popolare. In questo caso gli obiettivi erano di modernizzare il piccolo commercio e l’artigianato urbano e di sottrarre queste categorie alla pressione degli usurai.

La patria della cooperazione agricola è invece la Danimarca, dove vennero fondati a partire dagli anni 1880 caseifici cooperativi, poi macelli e salumifici, che egemonizzarono ben presto il settore per la loro rispondenza ai bisogni dell’epoca, riuscendo ad evolversi, con il cambiamento economico fino alla realtà odierna.

Da queste brevi annotazioni emerge che sin dalle origini l’impresa cooperativa ha mostrato la capacità di operare in tanti diversi settori. In particolare, grazie ai principi della mutualità, essa ha saputo creare imprese dove l’iniziativa privata mancava o non era stata in grado di perseguire lo sviluppo sociale insieme a quello economico.

Il modello che coop Mezzago persegue da sempre è proprio quello che dall’esperienza dei pionieri prende spunto e per farlo abbiamo contato su:

  • la dedizione dei soci e le competenze professionali accumulate nell'impresa
  • la risposta che il mondo cooperativo può dare alla crisi attuale.

Questo vuol dire che la cooperativa deve essere capace di rispondere ad una complessa sfida innovativa dal punto di vista culturale, sociale ed imprenditoriale.

La coop di Mezzago ha scelto di superare l'atteggiamento “attendista” provando a sperimentare la diversificazione degli interventi, dei campi di interessi per rispondere di volta in volta alle esigenze e alle esperienze del corpo sociale: nascono così il punto vendita, le prime case da assegnare ai soci, il “cinema Ponte” autocostruito, la distilleria, si acquista Palazzo Archinti ecc…

Da queste realtà acquisite occorre ripartire e fare uno sforzo in più per reagire alla crisi,ricercare nuove soluzioni e organizzarsi per realizzarle

Compito degli amministratori che si sono susseguiti negli anni è stato quello di focalizzare il proprio agire sulla capacità di rispondere ai bisogni della gente da un lato, e dall'altro conservare, mantenere e incrementare il patrimonio da consegnare ai futuri soci tenendo fede al principio delle “porte aperte”.

Il punto vendita Cooplogo coop mezzago

negozio

Diventa socio

Basta recarsi nel punto di vendita e versare la quota sociale minima di 25 Euro ...
Scopri i vantaggi

Contattaci


Cooperativa Consumo e Produzione Edificatrice con ramo Agricolo e Circolo Sociale s.c.

Piazza Libertà 1
20883 Mezzago (Mb)
Tel: 039.6020470
Email: info@coopmezzago.it

 

facebook icon